La nota di Stefano Quintarelli (fra i promotori di DigiDig) di cui trovate il link in fondo, al di là del suo valore nel merito della questione specifica, costituisce – per chiunque si occupi di comunicazione e/o di politiche e processi di decisioni pubbliche- una lettura essenziale per meglio capire i drastici cambiamenti in corso dei nostri percorsi decisionali, anche – ma non solo – impattati dalle nuove tecnologie. La nota non dice quello che però si dice esplicitamente nei corridoi, e cioè che la Apple ha dislocato in Italia per qualche giorno la sua capa europea del lobbying e che gli articoli del Corriere e della Stampa, sostanzialmente identici, sono il frutto di questo intervento. Mentre questo fatto stupisce molti miei amici che non fanno i comunicatori/lobbisti. per noi è acqua fresca.

Stupisce piuttosto che sia la collega di Apple e sia i due quotidiani non abbiano riflettuto sulla palese evidenza della marchetta. sigh!

http://blog.quintarelli.it/2017/06/ecco-perche-e-una-fake-news-la-legge-contro-liphone-italia.html

SHARE